AnticorruzioneArticoli Think Tank

PNRR- stato di avanzamento e misure anticorruzione

Pubblicato il

PNRR obiettivi e stato di avanzamento complessivo

Tramite il PNRR il MiTE – Ministero della Transizione Ecologica- si propone di accelerare e rendere l’Italia un campione globale della transizione ecologica. In particolare: i) rendere l’Italia più resiliente agli inevitabili cambiamenti climatici; ii) rendere il sistema italiano più sostenibile nel lungo termine garantendone la competitività; iii) sviluppare una leadership internazionale industriale e scientifica nelle principali filiere della transizione; iv) assicurare una transizione inclusiva ed equa, massimizzando i livelli occupazionali e contribuendo alla riduzione del gap tra le Regioni; v) aumentare consapevolezza e cultura su sfide e tematiche ambientali.Audizione del Ministro della transizione ecologica, prof. Roberto Cingolani, 10 marzo 2022

Anticorruzione nell’attuazione del PNRR

La Ragioneria Generale dello Stato il 10 febbraio 2022 ha pubblicato “le Istruzioni tecniche per la redazione dei sistemi di gestione e controllo delle amministrazioni centrali titolari di interventi del PNRR” .

Le istruzioni tecniche devono supportare le amministrazioni centrali titolari di interventi previsti nel PNRR nel coordinamento delle relative attività di gestione, nonché del monitoraggio, rendicontazione e controllo degli investimenti e riforme di pertinenza. L’adeguato sistema di gestione e controllo comprende anche misure finalizzate alla prevenzione, l’individuazione e la rettifica delle frodi, dei casi di corruzione e dei conflitti di interessi e della duplicazione dei finanziamenti.

Sistema di gestione e controllo

La circolare fornisce informazioni ed elementi utili per una corretta impostazione dell’assetto organizzativo e procedurale. Contiene allegati tecnici e operativi “utili per l’elaborazione del documento descrittivo del Sistema di Gestione e Controllo”. In particolare, “elementi salienti della proposta di sistema di gestione e controllo dell’amministrazione centrale titolare di interventi del PNRR Italia” individuano i passaggi da non tralasciare nella costruzione di tale sistema di gestione e controllo.

La Circolare è anche un ottimo spunto per ragionare sul futuro della prevenzione della corruzione in Italia. Per il PNRR si tratta di costruire un sistema, l’antifrode, che deve necessariamente integrarsi con l’anticorruzione, ma anche con l’antiriciclaggio. Anche il Piano integrato di attività e organizzazione (PIAO) non può prescindere da una piena integrazione con l’architettura di prevenzione della corruzione.

Anticorruzione e PNRR

Le amministrazioni che erogano risorse verso l’esterno dovranno tenere in considerazione il rischio che un soggetto esterno Destinatario dei finanziamenti si comporti in maniera opportunistica. Le procedure di controllo dovranno includere anche verifiche sul fatto che il Destinatario si possa essere alleato con un Agente pubblico, abbia cioè un complice all’interno dell’amministrazione.

L’anticorruzione acquista una sua precisa identità: definisce il sistema dei controlli antifrode, includendo la prevenzione del rischio interno. Una tale ottica permette alle amministrazioni di integrare i controlli interni con quelli esterni.

Per questo è fondamentale parlare di Anticorruzione e PNRR